24 marzo, 2017

Buenos Aires: Cosa Vedere nella Capitale Argentina

Quali sono le cose assolutamente da vedere per chi visita Buenos Aires per la prima volta?
Ecco la top list delle attrazioni principali che dovrai inserire nel tuo itinerario di viaggio per visitare al meglio la capitale dell'Argentina.

Buenos Aires è una città immensa, affascinante e con una doppia anima, europea e sudamericana. A volte prevale l'una, a volte l'altra; talvolta esse convivono in una magica commistione.

Buenos Aires, capitale dell'Argentina
Crogiolo di popoli, tradizioni e culture, ricca di strade e grandi piazze brulicanti di vita, l'eterogeneità colorata e confusa di Buenos Aires quasi stride con la sua regolare e geometrica suddivisione a scacchiera, fatta di lunghe strade verticali e orizzontali che si intersecano.
Proprio questa sua struttura regolare consente di visitare questa straordinaria città anche a piedi, prendendosi un po' di tempo, e di viverla nella sua pienezza.

I Principali Luoghi di Interesse di Buenos Aires

Alcune delle più importanti attrazioni cittadine si concentrano nel centro storico.

La Casa Presidenziale e Plaza de Mayo

Il suggestivo palazzo presidenziale di Buenos Aires, dalla celebre facciata rosa (da qui il nome Casa Rosada), troneggia in Plaza de Mayo, cuore pulsante di Buenos Aires: proprio dal balcone che dà sulla piazza si affacciava Evita Perón.
Oggi sede degli uffici del presidente della Repubblica, la Casa Rosada è aperta al pubblico nei fine settimana; in particolare, è possibile visitarne alcune sale, le gallerie e il museo con i ruderi di un forte coloniale. L'ingresso è gratuito ed è necessaria la prenotazione online.

La casa presidenziale di Buenos Aires, detta Casa Rosada in virtù del suo colore.
Quanto alla piazza, il nome richiama la rivoluzione del maggio 1810 per l'indipendenza dalla Spagna.
Oltre alla casa presidenziale, Plaza de Mayo ospita alcuni degli edifici più famosi della città, come il Cabildo Nacional e la Catedral Metropolitana.

L'Obelisco di Buenos Aires

L'obelisco è un altra icona cittadini. Questo celebre monumento di pietra sorge dove fu issata la prima bandiera argentina e, con i suoi 65 metri di altezza, si erge imponente nel cielo.
Lo si raggiungere partendo da Plaza de Mayo e percorrendo Avenida de Julio, la strada cittadina più lunga del mondo.

L'obelisco di Buenos Aires tra le cose da vedere nella capitale argentina

La Cattedrale di Buenos Aires

La sontuosa cattedrale di Buenos Aires, o Catedral Metropolitana, si erge a nord di Plaza de Mayo. Costruita già nel 16° secolo, la facciata neoclassica è invece del 19° secolo. In stile barocco, suddivisa in 5 navate, conserva le spoglie di uno dei più amati eroi nazionali, il generale José de San Martin. Si può visitare da lunedì a venerdì, 8-21; sabato e domenica, 9-19:30.

Il Teatro di Buenos Aires

Tra Avenida de Julio e la graziosa Plaza Lavalle, piena di alberi, si trova lo splendido Teatro Colon, uno dei più grandi al mondo e tra i più importanti dell'emisfero australe, tanto per l'architettura quanto per la produzione artistica.
Procurarti un biglietto per assistere a uno spettacolo in questo famoso teatro è un must.

Il Cabildo Nacional

Merita una visita anche il Cabildo Nacional, il suggestivo palazzo coloniale dal colore bianco candido che, costruito nel 17° secolo, era in origine il municipio della città.
Oggi ospita il Museo Nazionale dal Cabildo e della Rivoluzione di Maggio, e diverse esibizioni. Il museo è aperto martedì, mercoledì e venerdì, 10.30-17; giovedì, 10.30-20; sabato, domenica e festivi, 10.30-18.

I Più Bei Quartieri di Buenos Aires

Buenos Aires si sviluppa in numerosi quartieri dalle anime e dalla caratteristiche più diverse. Segnaliamo qui quelli più suggestivi e caratteristici, che meritano assolutamente una visita.

Il Quartiere Palermo

Il quartiere Palermo, il più grande barrio della città, è una zona elegante e vivace, ricca di edifici, negozi di lusso, locali, ristoranti e ampie aree verdi. Il quartiere è suddiviso in Palermo Soho, Palermo Viejo e Palermo Holliwood. Qui si trovano anche il Museo de Arte Latinoamericana (MALBA) e il Museo Evita.

San Telmo

San Telmo è l'affascinante e frizzante quartiere multietnico di Buenos Aires, uno dei più antichi della città. È famoso per l'intreccio di stradine, il tango on-the-road, i mercatini domenicali e la vivace vita notturna.

La Boca

La Boca è il quartiere popolare di Buenos Aires dalla pura anima sudamericana, famoso per le casette coloratissime e il Caminito, la via del tango, dei negozietti di artigianato, delle partite di calcio per la strada e delle foto di Diego Armando Maradona ovunque.

Il Caminito a La Boca, quartiere di Buenos Aires: la via del tango


La Recoleta

La Recoleta è un quartiere elegante con belle ville d'epoca e negozi lussuosi. Questo quartiere conserva un insolito gioiellino, uno dei cimiteri più belli del mondo, dove riposa anche Evita Perón.

Puerto Madero

Puerto Madero è l'anima moderna della città, ed è celebre per il Puente de la Mujer, il ponte pedonale mobile progettato da Calatrava.

Buenos Aires e il Mondo Gay

L'Argentina è decisamente accogliente con la popolazione gay. Aperta e progressiva, la nazione sud-americana ha legalizzato le nozze gay già dal 2010.
A Buenos Aires ogni anno in novembre viene organizzata una vivace e colorata Marcha del Orgullo Gay. Tutti i quartieri più frizzanti della città offrono bar, locali e altri luoghi di intrattenimento per la popolazione LGBT: il Glam e il Fiesta Jolie nel quartiere Palermo, il Flux Bar a Retiro, Amerika, una grande discoteca nel barrio Almagro, solo per citarne alcuni.

Buenos Aires e il Mare

Buenos Aires non è esattamente famosa per le sue spiagge, tuttavia l'estate può essere piuttosto torrida nella capitale argentina.
Per trovare un po' di refrigerio puoi andare alla Buenos Aires Playa, la spiaggia artificiale a Parque de los Niños, alla Playa de Olivos o a Paseo de la Costa, a nord della città.
Per cercare le spiagge ambite dai locali (attrezzate ma anche molto affollate), devi invece spostarti nelle località turistiche della provincia lungo la costa atlantica: Partido de la Costa, Mar de las Pampas, Pinamar, Villa Gessel, a nord; e a sud le rinomate spiagge di Mar del Plata.

Il mare e le spiagge di Buenos Aires

Organizzare il Viaggio a Buenos Aires

Volo aereo

I voli per Buenos Aires con le maggiori compagnie aeree partono da tutti i principali aeroporti italiani, con voli diretti da Roma.
I 2 principali aeroporti della città sono Ministro Pistarini (o Ezeiza, Buenos Aires-EZE) e Aeroparque (Buenos Aires-AEP).
L'aeroporto Ezeiza è a circa 20 km a sud-est di Buenos Aires ed è collegato al centro città con un servizio di bus-navetta.
L'Aeroparque è in zona centralissima, nel quartiere Palermo. Il centro città si raggiunge con 2 linee d'autobus o con la navetta. I taxi sono abbastanza costosi.

Dove Dormire a Buenos Aires

La capitale argentina offre un ampio numero di hotel e alloggi tra cui scegliere; ovviamente la decisione finale è totalmente soggettiva e dipende, inutile a dirsi, dalle esigenze e dai gusti personali. Il quartiere di San Telmo è uno dei quartieri più vivaci, pieno di ristoranti, locali e bar, quindi trovare un albergo in zona potrebbe essere l'opzione migliore.

Meteo a Buenos Aires

Buenos Aires è nell'emisfero australe, quindi le stagioni sono invertite rispetto alle nostre.
Il clima è umido temperato, con inverni miti (giugno-agosto) ed estati calde (novembre-febbraio).
I momenti ideali per visitare la città sono le mezze stagioni, tra ottobre e novembre, e tra marzo e aprile, che possono essere però a momenti piovose.

Fuso orario

Prima di partire ricordati di mettere le lancette dell'orologio indietro di 4 ore. Il fuso orario è lo stesso per tutto lo stato.

Buenos Aires è pericolosa?

Buenos Aires è una metropoli (conta quasi 3 milioni di abitanti), e ci vogliono sempre attenzione e buon senso nel muoversi in una grande città.
Il quartiere Boca, in particolare, è considerato un po' pericoloso e va visitato con prudenza: meglio stare nelle zone più frequentate e turistiche.
In generale è buona norma non ostentare gioielli, cellulari e macchine fotografiche, né addentrarsi in aree periferiche.

Buenos Aires è una bellissima metropoli fatta di mille intrecci e sfumature: di colori, di profumi, di musica, di ballerini di tango, di storie, di tradizioni culturali, di lingue.
Questa città, vissuta intensamente, è capace di donare grandi emozioni. Non ti resta che organizzare il tuo viaggio alla sua scoperta. E anche se riecheggiano nella memoria le note di "Don't cry for me Argentina", forse, al momento di ripartire, una lacrimuccia ci scappa.

10 marzo, 2017

Scogliere di Moher, Irlanda: i Cliffs più Suggestivi d'Europa

Vuoi visitare alcune tra le scogliere più impressionanti di tutta Europa? 
Ti presentiamo le Cliffs of Moher, le scogliere della rovina in lingua gaelica, un autentico capolavoro della natura situato lungo la costa occidentale dell'Irlanda, vicino al grazioso villaggio di Doolin, nella contea di Clare, a circa 260 chilometri da Dublino.
Scopri come arrivarci (da Galway o 
da Dublino) e i punti più suggestivi da non perdere.
Un'immensa spianata verde a picco sul mare. Poi, il vuoto tutt'intorno.
E silenzio, un profondo silenzio rotto soltanto dal vento e dalle onde che si infrangono sulle rocce.
Natura incontaminata allo stato puro.
Le Scogliere di Moher hanno un fascino unico, come uniche sono le sensazioni che scatenano: magico punto di incontro tra terra, mare e cielo, suscitano sentimenti contrastanti, fascino e inquietudine al tempo stesso. Si rivelano maestose e splendenti quando il sole le avvolge; diventano cupe e aspre quando gli elementi si scatenano trovandosi a lottare con nuvole grigie cariche di pioggia e vento, schiaffeggiate dalle onde increspate e fumanti.

Quale paesaggio migliore poteva fare da sfondo al legame tra Albus Silente e Harry Potter nella loro comune lotta contro il male, in una leggendaria scena del film Harry Potter e il principe mezzosangue?

Dove Sono e Come Raggiungerle

Se stai visitando l'Irlanda, le suggestive scogliere di Moher sono uno scenario naturale imperdibile.
Si trovano lungo la costa sud-ovest dell'Irlanda, nella regione di Burren, contea di Clare; si estendono per circa 8 chilometri, raggiungendo oltre 200 metri d'altezza in alcuni punti.

Come arrivarci dunque? Tutto dipende da come hai organizzato la tua vacanza sull'isola.

1) da Dublino
Se soggiorni a Dublino (a circa 260 km dalle scogliere), potrai trovare facilmente tour organizzati in pullman di una giornata. Certo si tratta di un viaggio faticoso, della durata totale di circa 12 ore, ma ne vale senz'altro la pena.

2) da Galway e dintorni
Se invece lo scopo della tua vacanza è scoprire i meravigliosi paesaggi irlandesi di questa zona, ti suggeriamo come punto di partenza la città di Galway, dove c'è anche l'aeroporto, da cui si arriva agevolmente alle scogliere con il bus o in macchina. Ecco i migliori alberghi per alloggiare in città.

Tour alle Cliffs of Moher

Le scogliere di Moher sono uno dei luoghi più visitati d'Irlanda, per cui devi aspettarti la presenza di molti turisti, in particolare nei mesi estivi e nei fine settimana. Se l'affollamento non fa proprio per te, ti suggeriamo di fare una scelta "strategica" per il tuo viaggio e optare per periodi diversi.

Punto di partenza per la tua visita può essere il Centro Visitatori da cui si sviluppano diversi sentieri per godere delle bellezze naturali del luogo e scovare i panorami più mozzafiato.
Quello più turistico e gettonato è un percorso pavimentato che conduce facilmente in una zona panoramica da cui godere tutta la maestosità delle scogliere a picco sul mare. Lungo questo tragitto si trovano delle lastre di pietra, chiamate Worm Trail, dal valore storico inestimabile, in quanto la serpentina che si vede incastonata al loro interno altro non è che la traccia fossilizzata del passaggio di animali invertebrati di 320 milioni di anni fa.

Ci sono poi sentieri sterrati di diverse difficoltà e lunghezza rivolti a escursionisti più esperti; sicuramente meno affollati, richiedono però un'attenta organizzazione, particolare prudenza e attrezzatura specifica.
Tra brivido e meraviglia, alcuni di questi sentieri si snodano lungo la scogliera costeggiando praticamente il vuoto, fino ad arrivare ai punti panoramici più suggestivi, tra i quali Hag's Head (estremità sud).

La Torre O'Brien, facilmente raggiungibile dal Centro Visitatori, è una torre circolare di pietra che offre una spettacolare vista aperta sulle scogliere che precipitano sul mare, sulle Isole Aran, sulla imponente Grotta del Gigante, sulla suggestiva Baia di Galway e sui Monti Maumturk nella regione del Connemara.
Lo spettacolo che questo punto panoramico offre al tramonto è qualcosa di imperdibile che sarà difficile da scordare.

Knockardakin, nell'estremità nord, con un precipizio di oltre 240 metri, è il punto più alto e impressionante della zona. Da qui sono ben visibili gli strati di roccia e arenaria che formano le scogliere tagliate di netto dall'erosione di secoli.



Tutt'intorno non ti passeranno inosservate le circa 30 specie di uccelli che abitano le scogliere, tra cui potrai ammirare le celebri e simpatiche pulcinelle di mare dal becco variopinto.

Le Scogliere di Moher dal Mare

Vivere l'imponenza delle scogliere di Moher direttamente dal mare è un'esperienza da non perdere. Gite in barca e crociere alla scoperta di questo incredibile scenario partono sia da Galway sia dal villaggio di Doolin.
Al cospetto di questi giganti di roccia, dell'enorme Grotta del Gigante e del maestoso Breanan Mór, il famoso sperone di roccia di 70 metri che emerge dall'oceano Atlantico e che per sempre legherà le scogliere di Moher a Harry Potter, ti sentirai piccolo piccolo e immenso al tempo stesso.

Cosa Vedere nei Dintorni

Tutta questa parte dell'Irlanda regala paesaggi naturali mozzafiato, distese verdi, fiordi, scogliere, suggestivi villaggi, ma anche zone aspre e selvagge.

1) Doolin è un tipico villaggio irlandese caratterizzato dai pub pittoreschi e dalla musica tradizionale che aleggia lungo le vie del paese.

2) La Baia di Galway è un'ampia insenatura che si estende dalla città di Galway fino a Black Head e offre numerosi punti panoramici e diversi villaggetti caratteristici tra cui Kinvara, un vero gioiellino, dove si trova anche il castello medievale di Dunguaire.
Nella vicina Contea di Clare c'è invece il celebre castello di Bunratty.

3) Le 3 isole di Aran (Inis Mór, Inis Meáin e Inis Oirr) sono raggiungibili via mare da Doolin e da Galway. Caratterizzate da paesaggi incontaminati, scogliere a picco sul mare, tracce di antichi insediamenti e tradizioni ancorate nei secoli, sono luoghi in cui il tempo si è fermato.

4) Nella contea di Galway si trova anche la splendida regione del Connemara, che sintetizza 2 paesaggi tanto diversi tra loro: la frastagliata area costiera incontaminata e la vasta brughiera selvaggia e montagnosa. Siamo a circa un'oretta di strada da Galway.

5) Se vuoi esplorare l'affascinante regione del Burren, ti consigliamo di partire dal villaggio di Gort e di arrivare fino al Black Head Lighthouse. Dal punto di vista naturalistico, la zona è famosa per l'incredibile varietà botanica che cresce tra le fenditure del suolo calcareo, quasi uno scherzo della natura in un luogo apparentemente così spoglio.
Da un punto di vista paesaggistico, il Burren è un susseguirsi dei più vari scenari naturali: colline carsiche, lastre di roccia, paesaggi lunari e importanti tracce preistoriche, come il celebre Dolmen di Poulnabrone, una tomba megalitica che risale al periodo neolitico.

Gli scenari naturali irlandesi sono ancora selvaggi e puri; qui il tempo pare essersi fermato, gli elementi dominano e gli opposti convivono. Sono luoghi in cui la natura dona al visitatore emozioni forti, che penetrano vista, olfatto e udito e smorzano le parole; in cui l'immensità e l'esiguità convivono in un continuo e talvolta turbinoso abbraccio; luoghi da visitare almeno una volta nella vita.

17 febbraio, 2017

Mangiare Vegano e Vegetariano ad Amsterdam

Quanta scelta hanno un vegetariano e un vegano che si trovino ad Amsterdam in vacanza o per lavoro?

Moderna, sempre aperta a nuovi spunti e con quella consapevolezza tipica dei paesi nordici, la capitale olandese offre tantissime possibilità per mangiare vegano e vegetariano a chi ha deciso di lasciar fuori proteine e derivati animali dalla propria dieta, nonostante una tradizione prettamente carnivora.

Quindi, che tu stia cercando un posto per fare colazione, un fast food o una caffetteria per uno spuntino veloce, una gastronomia o un vero e proprio ristorante strettamente vegani o più moderatamente vegetariani e vegan-friendly, ad Amsterdam potrai assaporare ottimi piatti in linea con le tue credenze alimentari.
Naturalmente, anche gli hotel cittadini si sono adattati alle esigenze alimentari dei propri ospiti e sempre di più propongono menù alternativi che includono rivisitazioni in chiave vegana e/o vegetariana di alcuni piatti tipici.

Ecco i migliori ristoranti vegani e vegetariani che abbiamo scoperto per te.

Dove mangiare vegano e vegetariano ad Amsterdam

Locali Vegani ad Amsterdam

1. TerraZen Centre 

Questo locale nei dintorni di piazza Dam, la cui cucina di base è caraibica e giapponese, ha un'ampia scelta di piatti vegani.
L'ambiente è semplice, di piccole dimensioni e offre una cucina casalinga che garantisce l'utilizzo di prodotti biologici locali. Prezzi talvolta alti.
Dove: 19 hs Sint Jacobstraat.
Quando: tutti i giorni, 12:30-22.

2. Deshima

Nei pressi del Rijksmuseum, è sia rivendita sia lunch-room con prodotti di ottima qualità rigorosamente vegani.
Le specialità sono il sushi di tempeh e shitake e i dolci.
È previsto anche il takeaway.
Dove: Weteringschans 65.
Quando: da lunedì a venerdì, 10-18; sabato 10-17.

3. Meatless District

Si tratta di un buon ristorante vegano piuttosto trendy, aperto nel fine settimana anche per colazione.
I prezzi sono abbastanza alti.
Dove: Bilderdijkstraat 65-67 (vicino al centro De Hallen).
Quando: martedì-giovedì 12-23; venerdì-domenica 9-24.

4. De Peper

È un ambiente molto particolare e creativo. Non si tratta di un vero e proprio ristorante, ma è la concretizzazione di un progetto sociale di cucina vegana e organica no-profit, all'interno di una casa occupata (non c'è un prezzo, si fa una donazione tra 7 e 10 euro).
Interamente gestito da volontari, l'ambiente è alternativo, accogliente e rigorosamente "politically correct".
Dove: Overtoom 301, non lontano dal Vondelpark.
Quando: martedì, giovedì e domenica, 18-01 am; venerdì 18-03 am. Si deve prenotare il giorno stesso tra le 13 e le 16 al numero 020 412 2954.

5. Mkz 

È un po' sullo stile di De Peper. Gestito da un collettivo, è un locale alternativo ed economico dal menù fisso.
Dove: Eerste Schinkelstraat 16 (nei dintorni del Vondelpark).
Quando: giovedì e sabato, 19-24; venerdì e domenica, 12-01 am. La prenotazione è obbligatoria (chiamare 020-6790712).

6. Dophert 

È una gastronomia vegana ottima per la colazione o per un pranzo veloce e sano. Assolutamente da non perdere i dolci!
Dove: Spaarndammerstraat 49 (un po' fuorimano rispetto al centro).
Quando: domenica dalle 11 alle 17:30, mercoledì dalle 10:00 alle 17:30; da giovedì a sabato dalle 10 alle 21.

7.  Koffie ende Koeck 

È una caffetteria vegana che offre ottime colazioni e pranzi a base di sandwich. I dolci sono sfiziosissimi.
Dove: Haarlemmerweg 175, a ridosso del Westerpark.
Quando: da martedì a venerdì, 9:30-17:30pm; sabato, 10-17.

Un ottimo panino vegano nel cuore di Amsterdam

8. Vegabond

Senz'altro un'altra caffetteria da segnalare che è anche un negozio di prodotti vegani bio, con una piccola sala dove potrai gustare ottime colazioni e sfiziosi pranzi veloci.
La location in mezzo ai canali è molto suggestiva.
Dove: Leliegracht 16 (Grachtengordel).
Quando: da lunedì a sabato, 11-18; domenica, 12-17.

Dove Mangiare Vegetariano ad Amsterdam


Se cerchi locali che propongano buon cibo vegetariano e vegan friendly, la scelta naturalmente è più ampia. Tra i numerosi ristoranti, lunch-rooms e caffetterie segnaliamo qui solo alcuni dei più apprezzati e meglio recensiti.

1. De Bolohed 

È un suggestivo ristorante vegetariano con terrazza, in riva al canale Prinsengracht. Offre un'ampia varietà di cibo biologico di ottima qualità su base etnica e piatti vegani. I prezzi possono essere abbastanza alti.
Dove: Prinsengracht 60-62 (quartiere Jordaan, vicino alla casa di Anna Frank).
Quando: tutti i giorni dalle 11 alle 21:30.

2. Golden Temple 

È il più vecchio ristorante vegetariano della città. Ha una scelta molto ampia e ottimo cibo. Oltre alla realizzazione di piatti vegetariani etnici e non, il ristorante è specializzato in crudité. I prezzi sono abbastanza alti.
Dove: Utrechtsestraat 126 (Staadsdeel Zuid).
Quando: tutti i giorni dalle 17 alle 23.

3. De Waaghals

Si trova nel frizzante quartiere De Pijp, offre cibo raffinato e rigorosamente organico e una volta al mese propone un piatto tipico di un paese specifico.
Dove: Frans Halsstraat 29.
Quando: tutti i giorni dalle 17 alle 21:30.

4. Maritis Eetkamer 

È un ristorante molto particolare. Se trovi un'atmosfera estremamente casalinga non è un caso: si tratta infatti di un living room restaurant, all'interno di una casa privata. L'accoglienza è calorosa e il cibo ottimo: vengono utilizzati solo prodotti locali bio, organici ed equosolidali.
È necessario prenotare al numero 020 7763864
Dove: Andreas Bonnstraat 34H.
Quando: da martedì a sabato, dalle 18 alle 24.

Ottimo cibo vegetariano ad Amsterdam

5. Betty's 

È un piccolo ristorante a conduzione familiare gestito amorevolmente da una coppia.
Propone piatti sani e gustosi. Il menù e il prezzo sono fissi.
Dove: Rijnstraat 75, non lontano dal Museumplein.
Quando: da mercoledì a domenica , dalle 17:30 alle 22:30. Chiuso l'ultimo sabato del mese. È necessario prenotare con anticipo.

6. De Vliegende Schotel 

È uno dei più vecchi ristoranti vegetariani presenti in città. L'ambiente è semplice e accogliente.
La cucina è principalmente vegana, ma per alcuni piatti è usato il formaggio.
Dove: Admiraal de Ruijterweg 331 (at Amsterdam West, quartiere Jordaan).
Quando: aperto tutti i giorni dalle 12 alle 21:30.

7. De Hummus House

Si tratta di 2 ristoranti a buon prezzo, che offrono piatti con ingredienti sempre freschi, principalmente a base di hummus e pita.
Dove: 1) Korte Leidsedwaarsstraat 62.
2) Sint Antoniesbreestraat 25C.

8. Maoz Vegetarian 

È una catena di fast food vegetariani e vegan friendly. I locali Maoz nei dintorni del centro sono 4.
Il piatto forte sono i falafel.
Dove: 1) Leidsestraat 85.
2) Albert Cuypstraat 67.
3) Muntplein 1.
4) Damrak 40.
Quando: tutti i giorni dalle 11.

9. De Gouden Tent 

È un takeaway vegetariano dove puoi trovare falafel, hummus e insalate.
Dove: 1) Marie Heinekenplein 11, nei dintorni di Heineken Experience.
2) Ten Katestraat 97 (zona ovest della città).
3) Zeilstraat 37 (zona sud-ovest, abbastanza fuorimano rispetto al centro).
Quando: tutti i giorni, dalle 10 alle 19.

10. Beter and Leuk

Da segnalare per le tue colazioni e i lunch vegetariani e vegan friendly.
Dove: Eerste Oosterparkstraat 91 (a est dell'area centrale).
Quando: lunedì, 12-17; da martedì a sabato, 10-17; Domenica 11-16.

Concludendo...

Mangiare vegetariano o vegano può essere una scelta etica, un votarsi a un'alimentazione sana e naturale, una vera e propria filosofia di vita o talvolta una necessità (a causa di allergie o intolleranze alimentari).

La cultura culinaria vegetariana e vegana si stanno diffondendo ovunque, e trovare luoghi in cui soddisfare questa esigenza oggi è sempre più facile.

E ad Amsterdam l'offerta sicuramente non manca! Non avrai che l'imbarazzo della scelta e la possibilità di provare sempre posti nuovi.

03 febbraio, 2017

Budapest: Cosa Vedere e i Luoghi di Interesse da Visitare

Un viaggio a Budapest passa inevitabilmente attraverso le 2 anime della città, entità distinte, ma profondamente connesse tra loro e collegate da numerosi ponti, fra cui il celebre e maestoso Ponte delle Catene.
C'è Buda sulla sponda occidentale e Pest sulla quella orientale, senza scordarsi di Obuda, il nucleo più antico della città (il toponimo significa proprio questo, Antica Buda), la zona delle antiche rovine romane, dove un tempo sorgeva Aquincum, la capitale della Pannonia inferiore.

Vista su Budapest, capitale dell'Ungheria


A Budapest i luoghi di interesse da visitare sono davvero numerosi.
Dunque, cosa vedere nella capitale ungherese, crocevia di popoli ricco di storia e cultura?
Ecco la nostra personale guida alla città di Budapest.

Il Quartiere di Buda

Questa parte della città, situata su una collina da cui si gode una vista spettacolare, è il nucleo antico di Budapest, quello che nei secoli ha visto l'alternarsi di popoli e culture, più volte distrutto e ricostruito fino all'aspetto attuale.
La zona è dominata dallo splendido Palazzo Reale, o Castello di Buda, che oggi ospita diversi musei, tra cui la Galleria Nazionale Ungherese, il Museo Storico di Budapest e la Biblioteca Nazionale Szechenyi.

Il Palazzo Reale o Castello di Buda, uno dei luoghi di interesse di Budapest

Scenari spettacolari si godono dalla Cittadella, nucleo originario di Buda. Anche dal Bastione dei Pescatori, in stile neogotico e neoromanico, si ha una vista ammaliante sulla città.
Da vedere a Buda c'è anche la Chiesa di San Mattia, in stile neogotico, dal singolare tetto colorato.

Se già visitando questo quartiere storico ti senti catapultato in un'altra dimensione spazio-temporale, questa sensazione aumenterà visitando l'Ospedale nella Roccia: 10 km di grotte e cantine che si sviluppano sotto il palazzo reale e che, durante la seconda guerra mondiale prima e la guerra fredda poi, fungevano da bunker e, come dice il nome, da ospedale. Qui il tempo sembra essersi fermato tra le strumentazioni mediche dell'epoca, in un luogo che non ha praticamente subito alterazioni nei decenni.

Il Quartiere di Pest

Pest è il cuore moderno della città, il quartiere dalla vena creativa, ricco di negozi, botteghe di stilisti e artisti, pub, locali e ristoranti. È proprio qui che sorge, maestoso, l'edificio neogotico del Palazzo del Parlamento di Budapest, affacciato sul Danubio con le sue guglie, i suoi archi e le sue torrette. Gli interni, in stile barocco, ricchi di dipinti e opere d'arte, sono sontuosi ed eleganti. L'edificio è solo in parte aperto al pubblico e l'ingresso è gratuito; è opportuno prenotare la visita. All'interno ci sono la residenza del primo ministro e quella del Presidente della Repubblica. Di sera il palazzo illuminato è uno spettacolo da non perdere.

Parlamento di Budapest


A Pest troverai anche il Teatro dell'Opera, la splendida Basilica di Santo Stefano, considerato il fondatore del paese, con la reliquia della mano del santo, il frizzante quartiere ebraico e la Grande Sinagoga, la più grande d'Europa, con la splendida facciata a 2 torri. Nel giardino della Sinagoga un monumento ricorda l'Olocausto.

Da visitare a Pest è senz'altro la Casa del Terrore, edificio utilizzato dai servizi segreti sia in epoca nazista sia comunista e oggi trasformato in museo per non dimenticare gli orrori delle dittature.

Le piazze costituiscono l'essenza dello spirito di Budapest. La famosa via pedonale Váci Utca, ricca di negozi di lusso, si collega alla vitalissima piazza di Vörösmarty Ter.
Il celebre viale Andrássy, circondato di splendidi palazzi, si apre sull'imponente e suggestiva Piazza degli Eroi, che ospita il Museo delle Belle Arti (dove sono conservate importanti opere dall'antichità al novecento), il Palazzo delle Esposizioni e il Monumento del Millennio.

Dormire a Budapest

Non importa dove decidi di sistemarti con l'hotel, se nella parte più storica della città, a Buda, o nella zona più moderna e vivace, a Pest: la capitale ungherese offre a turisti e viaggiatori un ampio assortimento di alloggi su entrambe le sponde danubiane. A Buda sarai più comodo per visitare i luoghi di interesse prettamente storici e culturali, senza tralasciare un giro a Obuda, mentre a Pest sarai pronto per pomeriggi di shopping e serate divertenti. Scegli l'hotel in base ai tuoi gusti e alle tue esigenze di budget.

Budapest: Le Terme

Non ci sarà il mare a Budapest, ma costume da bagno e ciabatte non possono assolutamente mancare nella tua valigia: Budapest è infatti la capitale europea con il maggior numero di terme e centri termali.
Note per le loro proprietà curative fin dall'antichità, le acque termali di Budapest sono generalmente inglobate in edifici dalla splendida architettura.
Tra le terme più famose e suggestive ci sono le terme di Széchenyi, all'interno del parco Városliget nei pressi di Piazza degli Eroi, le terme di Gellért, le terme di Lukács, di Király  e di Rudas, le 8 piscine all'aperto di Dagály, gli antichi bagni turchi di Velj Bej e le terme di Dandár.

Terme Gellert Budapest

Cosa Fare a Budapest

Una volta a Budapest, per immergersi nello spirito più genuino della città, ci sono almeno 7 cose che devi assolutamente fare:
  1. un giro panoramico sul tram numero 2
  2. guardare il panorama dalla collina Gellért
  3. goderti la vita notturna nei celebri romkocsma, tipici locali ricavati da vecchi edifici nel quartiere ebraico
  4. sorseggiare un aperitivo in uno dei locali con terrazza panoramica sul Danubio
  5. guardare la città navigando lungo il Danubio
  6. fare acquisti nel suggestivo mercato rionale coperto
  7. goderti la cucina tipica ungherese nei numerosi ristoranti della città (a ottimi prezzi!), generalmente a base di zuppe e gustosi piatti di carne, in particolare il celebre gulash
Se hai bisogno di un po' di relax, Budapest offre alcuni suggestivi polmoni verdi.
L'isola di Margherita, posta al centro del Danubio, ha numerosi parchi, splendidi e attrezzati, e anche diversi complessi termali, ottimi per ricaricare le batterie dopo le lunghe scarpinate alla scoperta della città.
Nel centro di Pest il parco di Városliget, con il castello di Vajdahunyad Vara e il lago, offre passeggiate rilassanti e scorci meravigliosi.
Budapest non perde l'occasione di ricordare a chi la visita gli errori e orrori del passato. Poco fuori città, ma facilmente raggiungibile con la metro, c'è il Parco Memento, o Parco delle Statue, dove sono state raccolte le statue dei personaggi legate al periodo comunista e che, ancora una volta, ci proietta nel passato ... per non dimenticare.

Voli per Budapest

I voli giornalieri per Budapest sono numerosi. L'aeroporto della città Ferihegy si trova a soli 15 chilometri a sud est della capitale ungherese.
La Wizz Air è l'unica compagnia low cost che collega Budapest con l'Italia: Roma-Fiumicino, Napoli, Pisa, Forlì, Treviso e con voli stagionali anche Bari, Bergamo e Catania.
Alitalia organizza voli giornalieri per Budapest da Milano-Malpensa e Roma-Fumicino.
Malév è una compagnia aerea ungherese che collega Budapest con Milano-Malpensa, Roma-Fumicino e Venezia. Anche Lufthansa e German Wings collegano la capitale Ungherese con l'Italia.
Per arrivare in centro città puoi prendere un autobus fuori dell'aeroporto e poi la metro.

Un paio di consigli pratici

In Ungheria la moneta ufficiale è il fiorino. Puoi fare un prelievo in aeroporto, o rivolgerti agli uffici di cambio (attenzione alle commissioni), ma evita modalità poco sicure.
Se ti fermi qualche giorno può essere conveniente fare la Budapest Card, che consente l'ingresso gratuito o ridotto in numerosi musei, agevolazioni varie, e l'utilizzo illimitato dei mezzi pubblici. La puoi fare in aeroporto, nelle diverse stazioni, in hotel e negli info point.

Budapest è una vecchia ed elegante signora che combina antichi splendori e architetture sontuose con storie di decadenza e rinascita.
La lingua, dal suono particolare, è per noi talmente lontana da risultare incomprensibile, aggiungendo a questa città un tocco esotico.
Affascinante e solenne, la capitale dell'Ungheria è accogliente e generosa con i suoi visitatori, a cui offre posti meravigliosi, immagini potenti da portare con sé e mille opportunità, tra cui quella di conoscere tante storie, passate e presenti, e di imparare da esse.
Budapest merita assolutamente una visita.

20 gennaio, 2017

Atolli Maldive: La Guida per Scegliere il Più Bello

Chiudi gli occhi.
Respira.
Ora crea nella tua mente la fotografia di un sublime paradiso tropicale.
Immagina di sentire il calore del sole sul tuo corpo.
Visualizza la sabbia bianca, le acque turchesi e le palme. Tuffati nel mare, senti il suo tepore, nuota in mezzo ai pesci e ai coralli colorati, tra incredibili fondali marini.
Assapora il gusto dei frutti esotici, la loro dolcezza, il loro succo.
Sei alle Maldive, tra gli atolli più belli del pianeta.
Ora apri gli occhi: è il momento di realizzare il tuo sogno.
Maldive: gli atolli più paradisiaci

Gli Atolli più Belli delle Maldive

Non è certo facile identificare gli atolli più suggestivi delle Maldive: centinaia di isole e spiagge formano questo impareggiabile arcipelago, comunemente considerato un vero paradiso terrestre.
Cercheremo comunque di listare qui di seguito alcuni tra gli atolli più belli della zona.

Se ti serve una sistemazione per dormire, non ti preoccupare: abbiamo più di 160 hotel alle Maldive. Guarda nella sezione specifica del nostro sito, oppure usa il box di ricerca in alto a destra: potrai filtrare gli alberghi in base al prezzo, alle stelle o alla zona e selezionare quello che meglio incontra i tuoi gusti.

1) Atollo di Malé Nord

È un'area molto turistica e ben servita, con numerose isole abitate.
Malé, la capitale, e l'aeroporto si trovano nella parte sud di questo atollo. Da qui è possibile organizzare delle escursioni nelle più belle spiagge delle diverse isole.
Bandos e Kuda Bandos sono note per le loro bellissime spiagge.
La laguna di Baros offre un paesaggio naturale incredibile.
Himmafushi è una vivace isoletta dove troverai belle spiagge e negozietti di souvenir tipici.
Le isole di Gaamaadhoo, Loifushi and Thulusdhoo sono considerate il paradiso dei surfisti.
L'area protetta di Banana Reef e Nassimo Thila sono il luogo perfetto per le immersioni e lo snorkeling in mezzo a coralli e pesci dai colori incredibili.
Al Manta Point potrai avere l'occasione di incontrare e osservare varie specie di mante.
Se cerchi un luogo ben organizzato ma tranquillo, l'isola di Huraa è quello giusto per te.
L'atollo Gaafaru, a nord di quest'area, è una zona isolata nota per la presenza di alcuni relitti di navi.

2) Atollo di Malé Sud

È un'ampia laguna che abbraccia una trentina di isole. La sua popolarità è decisamente in crescita, tuttavia è meno nota e affollata di Malé Nord. Qui potrai trovare splendidi resort e accoglienti guesthouse, dove vivere un'esperienza a maggior contatto con la realtà locale.
Maafushi è l'isola più famosa dell'atollo e offre un'ospitalità davvero calorosa: Kaani e White Shell sono le sue spiagge più famose.
Guraidhoo Kandu è d'obbligo per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni.
Biyadhoo beach, nell'isola di Biyadhoo, è considerata una delle spiagge più belle della zona ed è raggiungibile da Maafushi per escursioni in giornata. In quest'isola puoi trovare anche un resort.
Le spiagge dell'isola di Fihalhohi sono meravigliose: anche quest'isola può essere raggiunta da Maafushi per gite in giornata.
La spiaggia di Oe Dhuni Finolhu si trova su di un'isola deserta: la sua sabbia bianca abbagliante e l'acqua di un blu intenso meritano decisamente un'escursione (e un bagno).
Fun island è il luogo perfetto per un soggiorno a prezzi ragionevoli. La sua spiaggia di sabbia bianca è circondata di palme, mentre il suo mare offre acque limpidissime e una splendida barriera corallina tutta da esplorare.

Forme meravigliosi tra gli atolli delle Maldive

3) Atollo di Faaful

Quasi disabitato, questo atollo è il luogo ideale per chi cerca la quiete e un ambiente incontaminato. Troverai paesaggi naturali spettacolari, un'incredibile fauna marina, sabbia bianca e acqua cristallina.

4) Atollo di Ari

Si trova nella zona ovest dell'arcipelago ed è circondato dalla barriera corallina, che lo rende luogo ideale per le immersioni e lo snorkeling. Questo atollo racchiude alcune delle isole e delle spiagge più belle delle Maldive.
Velidhu, Kudafolhudhoo, Maayafushi e Rangali sono le isole più turistiche e attrezzate dell'atollo.
Ukulhas, un'isola ben servita, offre un incredibile paesaggio naturale e sicuramente alcune delle spiagge più belle dell'arcipelago. Un vero paradiso per immersioni e snorkeling, puoi anche avere la fortuna di nuotare con grandi tartarughe marine.
Rasdhoo è una piccola isola ancorata alla tradizione e alla cultura locali, ma ben servita e organizzata. È un piccolo gioiello per sub e amanti dello snorkeling che vogliono osservare da vicino giganti creature del mare (squali martello, mante, delfini e tartarughe) e godersi da vicino la coloratissima barriera corallina.
Thoddoo è un'isola disabitata e tranquilla a nord dell'atollo di Ari. Il paesaggio naturale e la lunga spiaggia di sabbia bianca ne fanno una delle più belle spiagge delle Maldive.

Nuotare tra tartarughe, pesci e coralli nel mare delle Maldive

5) Atollo di Baa

È una tappa obbligata per gli amanti delle immersioni, e un vero paradiso naturale tanto sott'acqua quanto in superficie. Non per niente è stato dichiarato nel 2011 Riserva della Biosfera dell'UNESCO. Qui potrai trovare alcune dei luoghi più paradisiaci delle Maldive.
La spiaggia dell'isola di Fulhadhoo è considerata una delle più belle non solo delle Maldive, ma anche del mondo. Troverai qui un piccolo villaggio di pescatori e, tutt'intorno, palme, fine sabbia bianca e acque blu. È il luogo ideale per osservare la barriera corallina e nuotare con tartarughe e delfini intorno ai vicini isolotti deserti.
Fehendhoo è un'isola scarsamente popolata, dove c'è solo un piccolo villaggio. Sarai avvolto dal verde della giungla, dal bianco della sabbia e dall'azzurro del mare. Qui ti sentirai lontano dalla civiltà, in profondo contatto con la natura e con le creature marine.
L'isola di Finolhu Kanifushi è caratterizzata da una lunga lingua di terra che la collega ad altre isolette dei dintorni. La sensazione è incredibile: ti sembrerà di camminare sull'acqua.

6) Atollo di Lhaviyani

Comprende alcune delle più belle isole e spiagge delle Maldive.
La spiaggia di Kanuhura (isola di Kuredu), con la sua fine sabbia bianca, le sue palme e l'acqua paradisiaca, è una delle più famose.

Gli atolli più belli delle Maldive - Isola di Kuredu

7) Atollo di Shaviyani

Le spiagge di questo atollo sono meravigliose.
Shaviyani, nella zona nord dell'arcipelago, è uno dei luoghi meno turistici e più incontaminati delle Maldive: un paradiso nel paradiso.

Ora che ti sei fatto un'idea sugli atolli delle Maldive, sulle isole più incontaminate e sulle spiagge più belle di questo meraviglioso arcipelago nel cuore dell'Oceano Indiano, devi solo scegliere l'atollo ideale per te, prenotare la tua vacanza e vivere il tuo sogno.

30 dicembre, 2016

Dove Andare in Vacanza a Gennaio al Mare e al Caldo

Cosa ti viene in mente se accostiamo le parole "vacanza", "gennaio", "mare" e "caldo"?
Chiudi gli occhi e immagina.
Paradisi esotici. Il calore del sole sulla pelle. Il profumo del mare.
Sabbie bianche, acque turchesi, palme, panorami mozzafiato e giungle selvagge.
Condisci con escursioni nella natura, snorkeling, immersioni, sport vari e, perché no, un po' di storia, archeologia, cultura e tradizione.
Poi vita notturna, musica e ritmi caraibici.
Come dessert, frutti esotici, dolci e succosi: cocco, mango, papaya, ...
Ora apri gli occhi. Era solo un sogno?
Trasformalo in realtà.
Cerca la tua meta ideale, prenota la tua vacanza e realizza subito i tuoi desideri.

1. Canarie a Gennaio

Le isole Canarie, con temperature invernali medie intorno ai 20°, sono la meta ideale per chi è alla ricerca di un posto caldo, di mare limpido e spiagge incontaminate, senza uscire dall'Europa.
Delle 7 isole, tra le più convenienti in inverno ti segnaliamo Tenerife, di cui abbiamo parlato più volte (qui per le sue spiagge più belle, qui invece per un Natale o un Capodanno al caldo).
Fuerteventura, caratterizzata dai paesaggi più vari e da natura a tratti ancora selvaggia, ha splendide baie, acque cristalline e ampie spiagge dalla sabbia bianchissima: è un paradiso per gli amanti degli sport su tavola.
Lanzarote, con i suoi paesaggi vulcanici lunari, presenta suggestive spiagge dai colori contrastanti, da quelle vulcaniche nerissime a quelle di sabbia bianchissima.

Canarie a gennaio: vista su spiaggia di Tenerife

2. Capo Verde

Questo arcipelago di isole vulcaniche a ovest del Senegal, immerso nell'Oceano Atlantico, è un'ottima meta per chi dall'Italia non vuole fare un viaggio aereo troppo lungo e cerca posti spettacolari, possibilmente a buon prezzo.
Luogo paradisiaco con temperature sopra i 20°, le sue 10 isole offrono tutti i tipi di paesaggi, dai più turistici ai più desertici, selvaggi e incontaminati.
Se hai un po' di tempo, l'ideale è fare un tour tra le isole.
Se cerchi fine sabbia bianca e acqua turchese, le isole ideali per fare vita da spiaggia sono Ilha do Sal, Ilha do Mal e Boa Vista.

Per gli hotel, puoi dare un'occhiata alle nostre proposte che includono un'ampia scelta di strutture per accontentare le esigenze e i gusti di tutti.

Vacanze a gennaio a Capo Verde, con sabbia bianca e acque cristalline

3. Cuba

Se sogni i Caraibi a prezzi convenienti, cerca le offerte su Cuba. Quest'isola è ospitalità, atmosfera avvolgente, colore, musica e ritmi latini, odori e sapori della sua cucina tipica, profumo di sigari e di rhum, acque tiepide e limpidissime, spiagge abbaglianti (tra le più belle: Varadero e le spiagge dell'isola di Cayo Largo) e temperature ideali tra i 20 e i 27°.
E poi c'è L'Avana che, tra profonda cultura e altrettanto profonde contraddizioni, ti inebria delle sue architetture, della sua vitalità, dei suoi colori, dei suoi suoni e odori, di giorno e di notte: immancabile "perderti" nell'intreccio delle sue strade.

Viaggi a gennaio: Cuba e L'Avana sono in cima alle preferenze degli Italiani

4. Messico

Il Messico è un'altra possibile meta per le tue vacanze a gennaio alla ricerca del winter sun, il sole d'inverno. La varietà di zone e paesaggi lo rende luogo ideale per tutti i gusti.

La penisola dello Yucatan, bagnata dall'Oceano Atlantico, è un paradiso tropicale che non solo ti offre splendidi paesaggi marini, ma ti permette anche di immergerti nell'affascinante storia della civiltà Maya.

Per i tuoi bagni nelle tiepide acque cristalline messicane puoi scegliere tra le località più turistiche e attrezzate, come Playa del Carmen, Cancun, Puerto Escondido, o le spiagge incontaminate e meno note della Isla Mujeres (Cancun), di Tulum (con un suggestivo sito Maja a picco sul mare) o di Majahual.

Baja California, bagnata dall'Oceano Pacifico da una parte e dal Golfo della California dall'altra, racchiude spiagge di sabbia dorata, parchi naturali, natura incontaminata e biosfere con fauna marina e terrestre tipiche, tra cui iguane e tartarughe marine. Le temperature di norma non scendono sotto i 17°.

Dove andare in vacanza a gennaio: Messico, Tulum

5. Thailandia

La Thailandia è il luogo perfetto per chi vuole vivere una vacanza da sogno respirando profumo d'Oriente, cultura antica e paesaggi esotici, anche se certo non è tra i posti più economici.

Qui potrai vivere il brulicare del mercato galleggiante di Bankgok sulle tradizionali barche, la cultura e la sacralità degli antichi e splendenti templi buddisti, sperimentare la vita dei villaggi lungo i fiumi e goderti lo spettacolo offerto dal mare, dalle spiagge e dai tramonti dell'isola di Phuket (e dalle sue temperature, che oscillano tra i 23 e i 30°).

Se invece cerchi luoghi meno turistici e incontaminati che ti offrano paesaggi da cartolina, gite nella giungla e docce sotto le cascate, la scelta è davvero ampia: tra le diverse isole thailandesi ti segnaliamo Koh Samui, sempre più gettonata, Koh Chang e Koh Phi Phi, celebre per i suoi tramonti.
  Gennaio al caldo in Tailandia

6. Florida

Sogni le spiagge americane a gennaio? Allora la Florida è quello che fa per te.
Anche a Miami Beach puoi respirare un clima latino e quasi caraibico, con temperature che difficilmente scendono sotto i 20° e che spesso e volentieri riservano calde sorprese, spiagge sabbiose in cui rilassarti al sole, mare invitante e vita notturna.
Se scegli Miami Beach, ecco i migliori hotel dove alloggiare.

Posti caldi a gennaio: Florida e Miami
Se viaggi con bambini, potrai esaudire un loro sogno: a Orlando, in questo periodo dell'anno, non solo troverai uno splendido clima, ma anche ottime offerte per Disney World. Oltre 300 gli alberghi tra cui scegliere a Orlando e dintorni.

7. Seychelles e Maldive

Queste sono in assoluto le mete ideali se:
  • sei affascinato dal richiamo esotico dell'Oceano Indiano
  • vuoi la spiaggia da film su cui hai sempre fantasticato
  • cerchi uno scenario da paradiso perduto immerso in acque turchesi
Sappi però che qui non puoi badare troppo a spese, anche se, organizzandosi per tempo, si possono trovare ottime offerte.

L'arcipelago delle Seychelles, con le sue 115 isole, alcune più turistiche (Mahé, Praslin, La Digue), altre meno note, offre i più diversi paesaggi e i più incredibili fondali. Non per niente sono il paradiso dei divers.
Per il tuo soggiorno alle Seychelles, guarda la nostra selezione di hotel stellati.

Vacanze al caldo a gennaio alle Seychelles

E che dire delle Maldive? Immagina di nuotare in un mare di atolli, immerso in acque trasparentissime, circondato da sabbie bianchissime, coralli e pesci coloratissimi. I superlativi assoluti non possono che abbondare. Tantissimi anche gli hotel tra cui scegliere.

Il mare a gennaio: Maldive
Dopo le feste e le abbuffate con amici e parenti, gennaio è dunque uno dei momenti migliori per realizzare il viaggio esotico che hai sempre sognato, a prezzi decisamente più convenienti che in altri momenti dell'anno.
É arrivato il momento di tirare fuori costume da bagno, asciugamano e ciabatte. Corri anche tu a rilassarti in qualche caldo luogo paradisiaco!

16 dicembre, 2016

Sciare in Austria, Svizzera o Slovenia... Perché No?

Ormai siamo nel pieno della stagione invernale: la neve ha iniziato a imbiancare le cime più alte e gli impianti sciistici sono tutti aperti e funzionanti.
Già qualche settimana fa, avevamo dedicato un post alle vacanze sulla neve, descrivendo quelle che per noi sono tra le 10 località sciistiche più belle d'Italia.
Però, tra i nostri lettori, c'è anche chi magari desidera organizzare una settimana bianca all'estero, non troppo lontano dai confini italiani (tanto più che alcuni paradisi sciistici nell'Italia del Nord sono collegati attraverso i comprensori a piste oltre confine).
La bella notizia è che in Europa ci sono posti meravigliosi, noti e meno noti, dove trascorrere le tue vacanze sulla neve.

Quali sono dunque le località sciistiche migliori per sciare in Europa?
Abbiamo fatto le nostre ricerche e preparato una lista con le 5 migliori località sciistiche d'Europa: dall'Austria alla Svizzera, dalla Francia alla Grecia passando per la Slovenia, l'Europa offre un ampio e variegato panorama sciistico, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Scoprilo insieme a noi!

Sciare in Svizzera

1. Sciare in Austria

Kitzbühel (Tirolo)
Questo grazioso paese medievale incastonato tra i monti è una rinomata località sciistica moderna, elegante e attrezzata, ma tipica e tradizionale al tempo stesso. È inserita nel vasto comprensorio dello Skiwelt, con impianti modernissimi, 284 km di piste per tutti i livelli, piste da fondo, da slittino, numerosi punti ristoro tipici, 4 fun park in un contesto panoramico splendido.
Intorno a Kitzbühel ci sono 170 km di piste da sci alpino, 60 km di piste da fondo e 2 snowpark per gli snowboarder. Puoi provare l'ebbrezza di una sciata in notturna nella famosa pista illuminata di Asten.
La pista più famosa è la Streif, la pista di discesa libera del circuito di Coppa del Mondo.

Guarda gli hotel dove puoi alloggiare a Kitzbühel.

Sciare in Austria a Kitzbuhel

St. Anton (Tirolo)
Molto bella e ospitale è anche la zona di St. Anton, sempre in Tirolo. Le località sciistiche di St. Anton-St.Cristoph-Stuben, Lech-Oberlech-Zürs e quelle unite di recente di Schröcken e Warth (del vicino Länder di Vorarlberg) formano il comprensorio Ski Arlberg: oltre 300 km di piste con impianti moderni che non hanno deturpato il paesaggio montano, mantenendone invece il suo spirito tradizionale.
Apprezzata da sciatori esperti e amanti del fuoripista, quest'area è ideale per tutti i livelli e per la pratica di altri sport invernali, come lo snowboard e lo sci da fondo.
Consulta i nostri migliori hotel a St. Anton Am Arlberg.

St Anton tra le località sciistiche dell'Austria

Nassfeld Pramollo
È una vivace località in Carinzia al confine con l'Italia. Ben attrezzata e curata, con ottime strutture alberghiere e facilmente raggiungibile dall'Italia, è in costante ascesa. Il comprensorio circostante, con i suoi 110 km di piste di sci alpino e gli impianti più moderni incontra le esigenze di tutti gli sciatori. Inoltre offre fuoripista, 80 km di piste da fondo, piste illuminate per le sciate in notturna, piste da slittino (anche in notturna), percorsi per principianti, aree gioco per bambini, pattinaggio sul ghiaccio naturale del Pressegger See e del Weissensee, passeggiate con le ciaspole e 2 imperdibili snowpark per lo snowboard con le attrazioni più adrenaliniche.

2. Sciare in Svizzera

Zermatt
Questo caratteristico paese del Cantone Vallese, a 1620 metri d'altezza, abbracciato dal Monte Rosa e dominato dal Cervino (Matterhorn in tedesco), è un vero gioiello.
La zona intorno a Zermatt offre numerose attività durante tutto l'anno, ma è d'inverno che dà il meglio di sé. Zermatt fa parte del comprensorio sciistico Matterhorn Ski Paradise che, con i suoi 350 km di piste, si collega a quelle italiane di Breuil Cervinia attraverso Valtournenche. E un paradiso lo è davvero, avvolto com'è dalle montagne più alte d'Europa che offrono un colpo d'occhio a dir poco spettacolare.
In paese non ci sono automobili, ma solo auto elettriche e i collegamenti sono assicurati dalla ferrovia. Le strutture sono organizzate e accoglienti, gli impianti di risalita moderni, ben tenuti e rigorosamente ecologici, le piste ampie e rispettose dell'ambiente.
Intorno a Zermatt si sviluppano 183 km di piste divise in 5 aree sciistiche ad alta quota, che ti fanno sentire a un passo dal cielo (e che d'estate diventano luoghi ideali per le escursioni):
  • Mattherhorn Glacier Paradise: si arriva a 2939 metri e offre un panorama mozzafiato su Cervino, Monte Rosa, Monte Bianco e Alpi Svizzere
  • Rothorn Paradise: regala un incredibile punto panoramico a 3100 metri
  • Sunegga Paradise: ideale per le famiglie, ci si arriva attraverso una funicolare sotterranea e si collega facilmente con le piste di Rothorn e Gornergrat
  • Gornergrat: con i suoi 3089 m d'altezza offre una splendida vista panoramica sulle Alpi Svizzere. Ospita il Klumhotel, l'hotel più ad alta quota della Svizzera, ed è l'ultima fermata del suggestivo trenino elettrico che da Zermatt compie un ripido percorso panoramico fermando in varie località
  • Schwarzersee: la valle ai piedi del Cervino è dominata dal Lago Nero e offre un accesso diretto alle piste del comprensorio. 
Zermatt, località sciistica in Svizzera

Zermatt offre ancora sentieri per il fuoripista, pattinaggio e hockey su ghiaccio, uno stadio per il curling che ospita importanti tornei, gite in slittino.
Non perderti assolutamente la visita al Palazzo del Ghiaccio, a 15 metri sotto il ghiaccio del Mattherhorn Glacier Paradise, a cui si arriva attraverso un ascensore.
Ricordati inoltre che in Svizzera il casco è obbligatorio fino a 14 anni.
Ecco dove puoi dormire in zona.

3. Sciare in Slovenia

La Slovenia offre una soluzione interessante per chi cerca un posto abbastanza economico, ma al tempo stesso piacevole dove trascorrere la settimana bianca, in un contesto naturale a tratti ancora incontaminato. Le piste sono belle e gli impianti efficienti, anche se non sempre modernissimi, in comprensori tuttavia piuttosto piccoli. Sono zone molto fredde e questo garantisce un buon innevamento per circa 100 giorni l'anno.

Triglav
Il Parco Nazionale del Triglav collega il comprensorio italiano di Sella Nevea, sulle Alpi Giulie, con quello sloveno di Kanin (comune di Bovec). L'offerta non manca: piste da discesa e da fondo, fuoripista, bellissime aree per lo snowboard e lo sci freeride.

Sciare in Slovenia sulle piste del Parco del Triglav


Kranjska Gora
A nord del Parco Nazionale del Triglav si apre la Valle Superiore della Sava e qui, al confine tra Austria e Italia, si trova Kranjska Gora, località sciistica nota anche per le gare di coppa del mondo di slalom e slalom gigante. Il piccolo comprensorio offre 20 km di piste da discesa di varia difficoltà; quelle più tecniche si sviluppano nell'area di Podkoren. Questa zona offre anche 40 km di piste per il fondo, sci d'alpinismo, scalata sul ghiaccio, pattinaggio sul lago ghiacciato, sciate notturne, gite in slittino e in slitte trainate dai cani.

Pohorje e Maribor
Il monte Pohorje, nei dintorni della bella città di Maribor, dispone del più grande comprensorio sciistico della Slovenia, noto per ospitare ogni anno le gare femminili di Coppa del Mondo di slalom speciale e slalom gigante. Il Moriborsko Pohorje presenta 60 km di belle piste di sci alpino, una pista illuminata, 30 km di piste da fondo immerse nei boschi e nella natura. Inoltre, si tratta di una zona termale, e non c'è niente di meglio che un rilassante bagno in acque calde dopo una lunga giornata sugli sci.
Per trovare una sistemazione di tuo gradimento, guarda le nostre offerte hotel a Maribor.

4. Sciare in Francia

Le Alpi francesi costituiscono un altro paradiso degli sciatori e offrono numerosi comprensori molto ampi con panorami stupendi e piste tutte collegate tra loro.
Per la tua settimana bianca in Francia hai decisamente l'imbarazzo della scelta e tutto dipende dai tuoi gusti e dai tuoi desideri. Molte località sciistiche francesi non sono percorribili in auto e sono messi a disposizione ampi parcheggi, efficienti servizi di navetta e passaggi su slitte trainate da cavalli.

Le Trois Vallèes
Se ami perderti in chilometri di piste allora il comprensorio Le Trois Vallèes fa per te: 600 km di ampie piste da discesa e 130 km per il fondo distribuite lungo le 3 vallate di Val Thorens - Les Menuires, Valle di Meribel e Valle di Courchevel.

Val Thorens
Particolarmente spettacolare è la Val Thorens che, dominata dal monte Péclet Polset (3500 m) e collocata in alta quota (a 2300 m) ti dà l'opportunità di sciare godendo di uno scenario naturale unico. Naturalmente anche questa comprensorio accoglie tutti i turisti della neve, offrendo opportunità di svago a 360°: sci d'alpinismo, carving e telemark, escursioni sulla neve e piste di snowboard.

Chamonix
Rinomata località ai piedi del Monte Bianco, facilmente accessibile dall'Italia, Chamonix offre l'opportunità davvero unica di sciare sul monte più alto d'Europa.
La funivia del massiccio di Aiguille du Midi (3842 m), che domina il paese, consente di raggiungere quote ragguardevoli e di provare la sensazione di toccare il cielo con un dito. Un ascensore ti porta fino alla vetta, per offrirti uno spettacolo che ti riempirà gli occhi e ti smorzerà le parole. Il costo per un adulto di una corsa andata-ritorno da Chamonix alla terrazza panoramica a 3777 m è sui 60 euro.
Chamonix offre l'accesso a un comprensorio di 150 km di piste per tutte le difficoltà, intorno alla vallata o in alta quota. Il paese è piacevole, vivace, pronto ad accogliere turisti di tutte le età e dar loro ciò che cercano, tra relax e divertimento, sulla neve e non.
Molto ricca l'offerta ricettiva a Chamonix in termini di hotel e alberghi.

Chamonix, rinomata località sciistica in Francia

Avoriaz
È il luogo giusto se cerchi un posto meno turistico e più tranquillo (qui non ci sono auto), ma che sia al tempo stesso accogliente e offra diverse possibilità. Fa parte dell'immenso comprensorio del Portes du Soleil che comprende 650 km di piste per tutte le difficoltà e tutti i gusti: offre i più diversi panorami e si collega anche ad alcune località svizzere.
Il comprensorio intorno al paese racchiude 130 km di piste, che soddisfano comunque tutte le esigenze e sono suddivise in 4 settori: Lindaret, Fornet, Super Morzine e Haut-Forts (con le piste più impegnative). Famosa è la pista nera di discesa del circuito di coppa del mondo chiamata appunto Coupe du Monde.
Skipass: 42 euro in alta stagione.

5. Sciare in Grecia

Avresti mai pensato di poter conciliare sci e archeologia? Potrebbe sembrare un posto insolito per andare a sciare, ma la Grecia continentale presenta zone montuose abbastanza elevate e piuttosto fredde in inverno, tali da consentire una discreta attività sciistica a prezzi bassi. I comprensori sono piccoli, ma forniti di tutto il necessario e spesso immersi in contesti naturali molto affascinanti.

Parnasso Ski Center: a circa 3 ore da Atene, il comprensorio del monte Parnasso (tra 1640 e 2260 metri), il più ampio della Grecia, ha tutto quello che serve per garantire ai visitatori un ottimo soggiorno. Offre 36 km di piste per i diversi livelli, 2 piste per principianti, fuoripista, snowboard, passeggiate sulla neve. Inoltre, l'area è ben servita e attrezzata con ristoranti e strutture ricettive a costi contenuti.
Skipass: 30 euro in alta stagione.

Kalavryta Ski Resort: non lontana da Atene, questo comprensorio molto grazioso sul monte Helmos, tra 1650 e 2340 metri d'altezza, ha circa 20 km di piste per le varie difficoltà, ed è attrezzato anche per lo snowboard.

Altre interessanti zone sciistiche sono il Monte Pelion Ski Center, vicino all'antica città di Volos, che offre un suggestivo paesaggio tra mare e montagna, e ancora Vermio e Vasilitsa in Macedonia.

Tra poco ci saranno le vacanze natalizie, e non c'è momento migliore per organizzare una vacanza last minute sugli sci o pianificare la tua settimana bianca più avanti nella stagione.
Non ti resta che decidere la meta più giusta per te, in Italia o in Europa, prenotare quanto prima e pregustare il relax e il divertimento sulla neve.

Share it!